Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

L'Ente Parco ha personalità di diritto pubblico, sede legale e amministrativa nel territorio del Parco ed è sottoposto alla vigilanza del Ministero dell'Ambiente, così come indicato dalla Legge quadro sulle aree protette.

Sono organi dell'Ente Parco: il Presidente, il Consiglio direttivo, la Giunta esecutiva, il Collegio dei Revisori dei conti, la Comunità del Parco.

Organigramma | Sorveglianza | Piani e regolamenti | Normative

Il Presidente

Il Presidente è nominato con decreto del Ministro dell'ambiente d'intesa con i Presidenti delle Regioni o delle Province autonome di Trento e di Bolzano nel cui territorio ricada in tutto o in parte il Parco Nazionale. Il Presidente ha la legale rappresentanza dell'Ente Parco ne coordina l'attività, esplica le funzioni che gli sono delegate dal Consiglio direttivo, adotta i provvedimenti urgenti ed indifferibili che sottopone alla ratifica del Consiglio direttivo nella seduta successiva.

Domenico Pappaterra è Presidente dell'Ente Parco Nazionale del Pollino dal 31 agosto 2007. Dal 7 maggio 2007 Pappaterra era stato nominato Commissario straordinario dello stesso Ente Parco. 

Domenico Pappaterra, 50 anni, di Mormanno, sposato e padre di due figli, laureato in Scienze Politiche e deputato, nella XIV legislatura (2001-2006), è stato Sindaco del suo Comune dal 1983 al 1990 e dal 1992 al 1995. In quegli stessi anni ha ricoperto il ruolo di vice Presidente della Comunità Montana del Pollino, di Castrovillari (CS). E' stato membro, tra il 1993 e il '94, della Commissione per la gestione provvisoria del territorio protetto, dal febbraio '94 componente del primo Consiglio direttivo dell'Ente Parco.

Durante il suo mandato ha contribuito alla fase di avvio dell'Ente, approvando importanti e propedeutici provvedimenti, necessari a costruire l'Istituzione Parco e a diffondere la cultura del Parco.
Dal 1995 al 2001 è stato consigliere regionale della Calabria. Ha ricoperto, in quegli anni, l'incarico di Presidente della II Commissione Sviluppo Economico del Consiglio regionale.Nel 1999 è divenuto Assessore regionale all'Ambiente e Beni ambientali, Parchi e aree protette, Tutela delle coste e urbanistica, incarico ricoperto sino alla fine della legislatura, avvenuta nel 2000.
Tra i provvedimenti e le leggi predisposte e fatte approvare l'istituzione dell'Agenzia regionale per l'Ambiente (Arpacal), la Legge urbanistica regionale, la Legge quadro sulle aree protette, il Progetto di educazione ambientale per le scuole, la Rete ecologica regionale, varata nell'ambito del Por 2000/2006.
Come assessore all'Ambiente della Calabria ha anche sottoscritto l'Accordo di programma tra le Regioni Calabria e Basilicata per lo sviluppo del Parco Nazionale del Pollino, l'Accordo di programma con le Regioni Abruzzo e Toscana per l'avvio del progetto APE (Appennino Parco d'Europa) e l'accordo con il Ministero dell'Ambiente per progetti di Nuova Occupazione (NOC). 
E' stato, sempre in quell'anno, Commissario vicario per l'emergenza rifiuti ed acque della Regione Calabria approvando il Piano regionale per lo smaltimento dei rifiuti e il Piano regionale per la raccolta differenziata dei rifiuti, oltre che il Piano regionale per lo smaltimento delle acque. Dal maggio 2001 all'aprile 2006 è stato deputato al Parlamento nella XIV Legislatura e membro della Commissione Ambiente e Lavori Pubblici della Camera dei Deputati. Ha partecipato attivamente all'Indagine conoscitiva deliberata il 26 giugno 2002 sul "Sistema di gestione amministrativa degli Enti Parco nazionali", promuovendo, tra l'altro, la visita della Commissione nel Parco Nazionale del Pollino.

Il Consiglio direttivo e la Giunta esecutiva


Insieme al Presidente, è l'organo di gestione dell'Ente. 
Viene nominato dal Ministro dell'Ambiente in rappresentanza delle Istituzioni Scientifiche, del Ministro dell'Ambiente, del Ministro delle Risorse Agricole, delle Associazioni ambientaliste, dei rappresentanti della Comunità del Parco. Il Consiglio direttivo elegge al proprio interno un vice presidente ed eventualmente una giunta esecutiva formata da cinque componenti, compreso il Presidente, secondo le modalità e con le funzioni stabilite nello statuto dell'Ente parco.

PAPPATERRA DOMENICO, Presidente Ente Parco
Curriculum vitae | Indennità di carica
Gettoni di presenza per partecipazione a ciascuna seduta degli organi collegiali


Sono componenti del Consiglio direttivo dell'Ente Parco Nazionale del Pollino:

FRANCESCO FIORE, su designazione della Comunità del Parco, vice Presidente dell'Ente Parco (DEC/MIN/3 del 10 gennaio 2018)

GIOVANNI COSENZA su designazione della Comunità del Parco (DEC/MIN/275 del 16 dicembre 2015)

MARIANGELA CORINGRATO su designazione della Comunità del Parco (DEC/MIN/242 del 14 settembre 2017)

GIOVANNI CEGLIE su designazione della Comunità del Parco (DEC/MIN/108 del 21 marzo 2018)

CARMELO LO FIEGO su designazione del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare  (DEC/MIN/275 del 16 dicembre 2015)

STEFANO VOLPONI su designazione dell’ISPRA  (DEC/MIN/275 del 16 dicembre 2015)

VULCANO GRAZIA su designazione del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali  (DEC/MIN/37 del 18 febbraio 2016)

FERDINANDO LAGHI su designazione delle Associazioni di Protezione Ambientale (DEC/MIN/37 del 18 febbraio 2016)

IL CONSIGLIO DIRETTIVO, ai sensi dell’art. 9 c. 6 della legge n. 394/91, con deliberazione n. 43/2018, ha proceduto alla nomina della giunta esecutiva nelle persone di: Pappaterra Domenico – Presidente,
Fiore Francesco – Vice Presidente,
Cosenza Gianni - Componente

Gettoni di presenza per partecipazione a ciascuna seduta degli organi collegiali

Il Collegio dei revisori dei conti


Il Collegio dei Revisori dei conti esercita il riscontro contabile sugli atti dell'Ente Parco secondo le norme di contabilità dello Stato e sulla base dei regolamenti di contabilità dell'Ente Parco, approvati dal Ministro del Tesoro di concerto con il ministro dell'Ambiente.
Il Collegio dei Revisori dei conti è nominato con decreto del ministro del Tesoro ed è formato da tre componenti scelti tra funzionari della Ragioneria generale dello Stato ovvero tra iscritti nel ruolo dei Revisori ufficiali dei conti. Essi sono designati: due dal Ministro del Tesoro, di cui uno in qualità di Presidente del Collegio, uno dalla regione o, d'intesa, dalle Regioni interessate.

Presidente: VINCENZO PASSAVANTI
Componente: ANGELA GAZZANEO 
Componente: VINCENZO CESARINI

La Comunità del Parco


La Comunità del Parco è costituita dai Presidenti delle Regioni e delle Province, dai Sindaci dei Comuni e dai Presidenti delle Comunità montane nei cui territori sono ricomprese le aree del Parco.
La Comunità del Parco è un organo consultivo e propositivo dell'Ente Parco. In particolare, il suo parere è obbligatorio: sul Regolamento del Parco di cui all'articolo, sul Piano per il Parco di cui all'articolo, su altre questioni, a richiesta di un terzo dei componenti del Consiglio direttivo, sul Bilancio e sul Conto consuntivo.
La Comunità del Parco delibera, previo parere vincolante del Consiglio direttivo, il Piano pluriennale economico e sociale e vigila sulla sua attuazione. Adotta, altresì, il proprio Regolamento.
La Comunità del Parco elegge al suo interno un Presidente e un Vice Presidente. E' convocata dal Presidente almeno due volte l'anno e quando venga richiesto dal Presidente dell'Ente Parco o da un terzo dei suoi componenti.

Presidente: RENATO IANNIBELLI

La Comunità del Parco ha sede a Castrovillari (CS) - Palazzo Gallo

Collaboratori esterni


Elenco consulenti e collaboratori esterni (ai sensi dell'art.3, commi 18 e 54, della legge 244/2007)